“Time Images” – Nuovo CD di Matteo Bortone

Di - 31/07/2015

 

MATTEO BORTONE 

“TRAVELERS”

Time Images

Data di uscita: 11 Settembre 2015

A due anni dall’esordio discografico che segnava anche il suo rientro in Italia, il trentenne contrabbassista Matteo Bortone, nativo di Otranto, cresciuto musicalmente a Parigi e ora residente a Roma, pubblica per la Auand Records (distribuzione Goodfellas)  ”Time Images“, il suo secondo lavoro da leader sempre alla guida del suo quartetto franco/italiano TRAVELERS, lo stesso del disco di debutto (Antonin-Tri Hoang, Francesco Diodati e Ariel Tessier). Sull’onda dell’ottimo riscontro di critica ottenuto per l’omonimo primo lavoro (in Francia eletto “Révélation Jazzman” e “Jazz Découverte“, in Italia Jazzit lo ha incluso tra “le migliori uscite discografiche del 2013″), Bortone conferma la sua direzione musicale già intrapresa nel disco precedente: composizioni che alternano momenti elettrici ed acustici con atmosfere più rarefatte e che esplorano le possibili affinità tra improvvisazione e rock d’avanguardia, privilegiando il sound di gruppo rispetto all’aspetto solistico dei singoli. Il titolo “Time Images” oltre ad evidenziare la passione che Bortone ha per il cinema (“image-temps” concetto introdotto dal fIlosofo francese Gilles Deleuze in merito al cinema neorealistico), vuole mettere in risalto l’immagine come idea sensitiva di partenza, come concentrazione di souvenirs plurisensoriali e il tempo inteso come movimento rimandando quindi alla mobilità dell’immagine. Nel corso delle 11 tracce si succedono, quasi come fotogrammi, brani energici, articolati (“Sunday Supermarket”, “Just Play” e “Broskar”) e ballads introspettive (“Crackle”, “Olvidao”). A differenza del primo album, in questo nuovo lavoro la paletta sonora è arricchita anche da altri strumenti come il basso elettrico, il synth e il clarinetto (oltre al sax alto e al clarinetto basso) che apportano un nuovo colore alle improvvisazioni e, allo stesso tempo, giustifIcano una ricerca nella scrittura che sia in funzione dell’intero organico piuttosto che del semplice quartetto (“Intro Crackle” è scritta come corale a 4 voci con contrabbasso, synth, clarinetto e clarinetto basso). Sotto quest’ottica il synth è co-protagonista in alcune impro (“Sunday Supermarket” “Locked Room”) ma assume anche un ruolo di primo piano nell’esposizione di temi come “Tourne” e “Olvidao #1″. I brani sono esclusivamente scritti da Bortone, eccezion fatta per “Houses of the Holy”, storica rock song dei Led Zeppelin. La band ha suonato in Inghilterra, Scozia, Francia, Belgio, e sarà in tour per presentare il nuovo lavoro in Italia e Francia a Febbraio e Marzo 2016.

 

Matteo Bortone, otrantino, classe 1982, dopo aver conseguito un Master in Jazz presso il prestigioso Conservatorio Superiore di Parigi (città nella quale ha vissuto 8 anni) si è trasferito a Roma dove vive dal 2013. Oltre all’attività di leader e compositore, Bortone svolge un’intensa attività come sideman sia in Italia che in Francia, suonando stabilmente nel trio di Alessandro Lanzoni (TOP JAZZ 2013, Miglior Nuovo Talento), nel nuovo quartetto di Roberto Gatto, nel trio di Stefano Carbonelli, nel sestetto del sassofonista francese Julien Pontvianne e collaborando con musicisti come Matt Renzi, Giovanni Guidi, Ada Montellanico, Roberto Tarenzi, Greg Burk, Thomas Enhco.

 

Matteo Bortone ‘ TRAVELERS ‘ :

Antonin-Tri Hoang : sax alto, clarinetti, Roland SH 101

Francesco Diodati : chitarre

Matteo Bortone : contrabbasso, basso elettrico, composizioni

Ariel Tessier : batteria

 

www.matteobortone.com

www.auand.com

About Luigi Santosuosso

You must be logged in to post a comment Login