Roberto Gatto

Di - 24/10/2016

Roberto Gatto, un nuovo disco che guarda al futuro
Un’anticipazione sul jazz italiano che verrà. Il 2 ottobre scorso abbiamo incontrato il batterista Roberto Gatto allo studio IndieHub di Milano. In cantiere un album che uscirà nel corso della prima metà del 2017 per l’Abeat Records e che vede Gatto leader di un quartetto accanto a giovani musicisti di grande talento: il pianista toscano Alessandro Lanzoni (vincitore del “Top Jazz 2013″ come miglior nuovo talento dell’anno), il contrabbassista pugliese Matteo Bortone e il trombettista siciliano Alessandro Presti.

All About Jazz: Hai appena terminato di registrare un disco di prossima uscita che ti vede leader di un quartetto accanto a giovani musicisti con cui collabori già da tempo. Com’è nato questo progetto?

Roberto Gatto: È una formazione abbastanza recente anche se la collaborazione va avanti già da qualche anno. È un gruppo che si è composto in maniera quasi casuale, attraverso il promoter siciliano Toti Cannistraro, in occasione di un concerto che avrei dovuto fare ad Agrigento nella Valle dei Templi e lui mi propose di suonare con alcuni musicisti che erano in zona in quel periodo. Alessandro Lanzoni era già lì assieme a Matteo Bortone, a noi poi si è unito Alessandro Presti, ci siamo divertiti molto per cui abbiamo continuato a suonare assieme. Abbiamo fatto un po’ di festival tra cui Umbria Jazz. Giravamo già da un po’ ma non avevamo mai registrato, poi è arrivata questa proposta da Mario Caccia di fare un disco per Abeat e abbiamo colto l’occasione per entrare in studio…

Read-More-Button

About Rosarita Crisafi

You must be logged in to post a comment Login