Riccardo Brazzale

Di - 08/05/2017

Riccardo Brazzale - Direttore Artistico di Vicenza Jazz

Nel mondo del jazz italiano Riccardo Brazzale è un personaggio ben noto per le attività interconnesse che da decenni svolge con competente coerenza. Innanzi tutto dirige con chiarezza di concezione la Lydian Sound Orchestra, larga formazione attiva dal 1989 e con una decina di CD al suo attivo, che raccoglie alcuni protagonisti dell’ambito veneto. We Resist, il prossimo ambizioso lavoro, sarà pubblicato entro l’estate dal Parco della Musica. Brazzale inoltre è insegnante di jazz, ma non solo, in vari istituti e ricopre un ruolo di responsabilità presso il Comune di Vicenza nel settore cultura. In particolare è da sempre il direttore artistico del festival del jazz vicentino, che fra pochi giorni aprirà la sua ventiduesima edizione. In tale veste lo abbiamo intervistato per approfondire gli obiettivi e i criteri, le dinamiche e la storia dell’importante manifestazione.

All About Jazz: Siamo giunti alla ventiduesima edizione di Vicenza Jazz, che da sempre porta il sottotitolo New Conversations. In tanti anni come sono cambiati gli obiettivi e i criteri nelle tue scelte di programma?

Riccardo Brazzale: Sono responsabile delle scelte artistiche del festival sin dalla prima edizione del 1996. Da allora qualcosa è certamente cambiato, soprattutto da quando il festival ha assunto dimensioni più importanti, per popolarità, per budget, per attenzioni complessive. Al di là delle fondamentali questioni di bilancio, i committenti (cioè, principalmente, il Comune di Vicenza e il principale sponsor in coproduzione, la Trivellato Mercedes) chiedono una certa risposta di pubblico, e in generale di immagine; quindi in fase di programmazione non posso che tenerne conto. Il pubblico stesso richiede rispetto e ha tanti gusti, ovviamente anche diversi dai miei, ma io cerco comunque di non transigere riguardo alla qualità.

Forse una volta azzardavo di più su qualche produzione speciale, ma i costi generali erano indubbiamente inferiori, soprattutto quando si pagava in lire. Se guardo a ritroso certi cartelloni di una quindicina di anni fa, mi accorgo che ora non sarebbero nemmeno immaginabili, per mere richieste di cachet e relativi costi di organizzazione e promozione. In generale il mercato pare ubriaco: molti concerti continuano a costare troppo in relazione alle reali possibilità di incasso. Vale per il jazz come per altre musiche e altre arti performative colte.

AAJ: Tu ricopri, e hai sempre ricoperto, importanti cariche pubbliche, oltre a insegnare e ad essere leader della Lydian Sound Orchestra. Queste cariche e impegni hanno interferito, positivamente o negativamente, nella direzione del festival?

RB: Sono un funzionario del Comune di Vicenza che si occupa di programmazione artistica, in particolare di progetti speciali per il Teatro Olimpico che, come è noto, è un monumento patrimonio dell’umanità. Insegno storia del jazz nei conservatori di Vicenza e Castelfranco Veneto e materie teoriche di tipo classico (teoria, armonia, storia) all’Istituto Musicale Veneto di Thiene, di cui sono direttore. Come sono il direttore della Lydian Sound Orchestra. Posso tranquillamente dire che essere di qua e di là della barricata, musicista e promoter, insegnante e (un tempo, ora non più) giornalista, mi ha certamente giovato, dandomi la possibilità di vedere le stesse cose da angolature differenti…

Read-More-Button

About Libero Farnè

You must be logged in to post a comment Login