L’ultimo hipster. La vita e la musica di Mark Murphy

Di - 23/05/2017

L'ultimo hipster. La vita e la musica di Mark Murphy

Non trovate accenni a Mark Murphy nelle più recenti storie del jazz, neanche il nome. Una lacuna che appare inspiegabile (a differenza di Frank Sinatra, Mel Torme e Tony Bennett) che si giustifica solo col ritardo a collocare il cantante di Syracuse in una prospettiva storica.

Eppure già prima della sua scomparsa -il 22 ottobre 2015 all’età di 83 anni—autorevoli critici e musicisti hanno considerato Murphy tra i massimi jazz vocalist moderni, il più importante tra i bianchi della sua generazione.
Tra i grandi è stato quello jazzisticamente più intransigente e lontano da velleità commerciali. Dal nostro punto di vista anche il più fantasioso e versatile: Mark Murphy è stato un’inquieto e avvincente improvvisatore, un bopper ritmicamente spericolato, sempre incline a inventare nuovi modi d’interpretare un song. Una dimensione artistica che rifletteva una personalità eccentrica che non l’ha certamente favorito.

Mark Murphy debutta nel 1956 con l’album Decca Meet Mark Murphy, l’anno in cui esplode il rock & roll con le uscite di “Roll Over Beethoven” di Chuck Berry, “Heartbreak Hotel” di Elvis Presley e “Blue Suede Shoes” di Carl Perkins. Un genere musicale dal fortissimo impatto sul pubblico giovanile, in contrasto con lo stile di un vocalist esordiente legato ai modelli dello Swing e del blues orchestrale. L’avvento di Beatles, Rolling Stones e del nuovo rock britannico rende ancor più demodé un cantante come Murphy, non ancora affermato per usufruire di una rendita di posizione presso il pubblico adulto. Solo dagli anni settanta la sua presenza s’è imposta agli occhi della critica e dalla fine degli ottanta presso una fetta limitata di audience (anche per l’interesse del DJ e produttore inglese Gilles Peterson).

Gli esordi e il soggiorno londinese

Mark nasce il 14 marzo 1932 a Fulton, 26 miglia a Nord di Syracuse, nello stato di New York. Di origini irlandesi, la sua è una famiglia borghese (il nonno era presidente alla Worcester Manifacturing Company) con una particolare passione per la musica e il canto. Suo padre è una voce d’opera e canta regolarmente in chiesa con la madre. Mark inizia all’età di sette anni a studiare il pianoforte e nell’adolescenza prende a esibirsi, come cantante, nel complesso da ballo del fratello maggiore. Il primo modello di riferimento è Nat “King” Cole e tra gli ascolti preferiti ci sono Erroll Garner, Art Tatum, June Christy, Peggy Lee e le orchestre di Woody Herman e Stan Kenton…

Read-More-Button

About Angelo Leonardi

You must be logged in to post a comment Login