Esperanto Fest – Roma – 27 ott.

Di - 24/10/2016

ESPERANTO FEST

 27 OTTOBRE AL QUIRINETTA di ROMA

Il Festival delle contaminazioni della Med Free Orkestra

il 27 ottobre la prima serata con i padroni di casa, la Med Free Orkestra, e gli ospiti Fabrizio Bosso,  Ilaria Graziano e Francesco Forni, Luca Carocci

 Teatro Quirinetta – Via Marco Minghetti, 5 , Roma
ore 22:00

Giovedì 27 ottobre inizia “Esperanto Fest”, nuova rassegna musicale che si svolgerà al Teatro Quirinetta di Roma.

Esperanto festnasce da un’idea di Francesco Fiore, musicista e fondatore della Med Free Orkestra, ensemble multietnico composto da diciassette musicisti provenienti da varie aree del mondo.

“Esperanto”, che significa “colui che spera”, nasce come lingua artificiale con l’obiettivo di favorire le relazioni tra i popoli e la pace nel mondo. L’artefice della rassegna ha appunto l’obiettivo di far incontrare diverse realtà musicali capaci, attraverso le contaminazioni, di comunicare tra loro, coinvolgendo così il pubblico nel dialogo.

La rassegna si svolgerà in tre appuntamenti da qui a gennaio: il primo il 27 ottobre, poi il 22 dicembre e infine il 26 gennaio 2017 ed organizzata in collaborazione con iCompany.

Ogni appuntamento vedrà la Med Free Orkestra “dialogare” in note con ospiti musicali che si avvicenderanno sul palco.

La serata d’apertura del 27 ottobre prossimo vedrà sul palco del Quirinetta, insieme alla Med Free Orkestra, il duo Ilaria Graziano & Francesco Forni, il cantautore folk Luca Carocci e il trombettista jazz Fabrizio Bosso.

Francesco Fiore crede nell’azione “terapeutica” della musica: «cantiamo le idee per sensibilizzare il mondo, e lo facciamo ballando. Perché tutti abbiamo bisogno di bellezza, di vedere cose belle e sperare soprattutto in cose belle…»

 

Med Free Orkestra
Mettete insieme un folle trombonista ucraino, un fisarmonicista della vera tradizione romana, un “principe” Griot del Senegal che ti racconta in mandingo magiche storie accompagnandosi con la sua Kora, due voci femminili profondamente diverse ma in perfetta sintonia, la bruna popolare e la bionda “canadumbra, due percussionisti che si sfidano a suon di djembe e tabla indiane, una sezione fiati che se la sognavano a New Orleans, un gigante buono che guida tutta la ritmica, chitarra elettrica, basso, tastiere, violino, banjo, tuba, tamburelli… e per non farsi mancare niente pure l’elettronica. La MED FREE ORKESTRA si è inventata il world pop…e non si ferma più!

About News AAJ Italia

You must be logged in to post a comment Login