Culatello e Jazz – Roccabianca (Parma) – 9 sett.

Di - 29/08/2016

Culatello & Jazz

Roccabianca (Parma)
Venerdì 9 settembre 2016, ore 20.00

8° EDIZIONE

 Si compie per l’ottavo anno consecutivo la magia di Culatello & Jazz: un castello quattrocentesco, una cena gourmet con ospite d’onore il culatello di Parma e il grande jazz a unire il tutto. L’appuntamento – diventato ormai imperdibile – realizzato grazie a Spirito Verdiano e all’Associazione Castello Eventi in collaborazione con Associazione Culturale Rest-Art, si svolgerà a Roccabianca (Parma) venerdì 9 settembre 2016 a partire dalle ore 20.

Ingredienti della serata: degustazioni di prodotti tipici abbinati a bollicine del territorio, musica jazz internazionale, cena “stellata” firmata dallo Chef Massimo Spigaroli – lui stesso eccellenza della bassa parmense – e “sua maestà” il culatello, servito… con tanto di sfilata.

Massimo Spigaroli nel 2010 ha conquistato la sua prima stella Michelin con il ristorante “Antica Corte Pallavicina” di Polesine Parmense, e da grande interprete della tradizione parmigiana, proporrà un menù appositamente pensato attorno all’eccellenza del culatello.

Dopo il successo degli scorsi anni, il Castello di Roccabianca torna ad essere la straordinaria cornice notturna per questa serata che unisce tutti i sensi dall’udito al gusto.

E mentre la cena volge al termine, inizia la musica dal vivo. Il concerto che accompagnerà la serata è INTERNATIONAL FUNKY GROOVE ENSEMBLE e vede protagonisti ROBERT BARGAD – piano e tastiere, ROBERTO GATTO – batteria, DARRYL HALL -  basso elettrico, PIERO ODORICI – sax tenore, ALESSANDRO PRESTI – tromba.

Gli ingredienti ci sono tutti per confermare l’altissimo livello degli artisti e delle proposte gastronomiche. Una qualità che nasce dalla vivace e proficua collaborazione tra Spirito Verdiano ed Associazione Culturale Rest-Art, già organizzatrice di vari eventi tra i quali il prestigioso festival internazionale NovaraJazz.

Per tutte le informazioni http://www.culatelloejazz.it/pag/eventi.html                                 

 

 

INTERNATIONAL FUNKY GROOVE ENSEMBLE

 

ROBERT BARGAD – Piano, Tastiere

Rob è nato a Boston nel 1962. Dopo aver studiato pianoforte per 3 anni con Kenny Barron presso la Rutgers University, si trasferisce a New York nel 1984, dove inizia la sua carriera jazzistica accompagnando leggende della musica come Little Jimmy Scott e Dakota Staton. Nel 1987 è per un anno il pianista della Lionel Hampton Orchestra, in tour tra Stati Uniti, Europa e Giappone. Nel 1991, Rob si unisce al Nat Adderley Quintet, con il quale suonerà per quasi 8 anni, girerà il mondo e registrerà 8 CD. Nel suo percorso, Rob ha suonato, in tour e/o registrazioni con Jimmy Cobb’s Mobb, Ronny Jordan, Gloria Lynne, Jeannie Bryson, Roy Hargrove, Laverne Butler, the Walter Booker Quintet, Bud Shank, Carolyn Leonhart, Alvin Queen e molti altri… Mr. Bargad è anche un arrangiatore, produttore e compositore. Le sue canzoni sono state scelte per diversi progetti di registrazione e cinematografici. Due delle canzoni di Rob si trovano nell’antologia recentemente pubblicata: Sing Jazz from Second Floor Music. Rob ha registrato numerosi CD come leader e co-leader – Better Times (Criss Cross 1086CD), The Shadow Of Your Smile (Alfa Jazz ALCB3069), Mom’s Good Wishes (Central Station Music CSM060101), e Steal The Moon (Sunnyside Records) con la cantante Carolyn Leonhart. Nel 2004, Rob ha co-fondato il trio organo Hammond, JOHNSON 3! Il loro CD è JOHNSON 3! What About Love? (CSM 050101). Un altro progetto di con Rob all’organo Hammond – Organic Mode – sta per debuttare con un CD, intitolato Junething Nasty (Organic Records). Rob Bargad è docente di Jazz Piano al Kärntnerlandeskonservatorium – un conservatorio a Klagenfurt, in Austria. Vive a Vienna con la moglie, Nadine, fotografa freelance.

 

ROBERTO GATTO - Batteria

Nato a Roma il 6 ottobre 1958, il suo debutto professionale risale al 1975 con il Trio di Roma (Danilo Rea, Enzo Pietropaoli) e da allora ha suonato in tutta Europa e nel mondo con i suoi gruppi e a fianco di artisti internazionali.  Oltre ad una ricerca timbrica raffinata e a una tecnica esecutiva perfetta, i gruppi a suo nome sono caratterizzati dal calore tipico della cultura Mediterranea; questo rende senza dubbio Roberto  Gatto  uno  dei  più interessanti  batteristi  e  compositori  in  Europa  e  nel  mondo.  E’ sicuramente il più rinomato batterista Italiano all’estero e vanta importanti partnerships con artisti del mondo del jazz e non solo. Numerose sono le sue collaborazioni come sideman: Chet Baker, Freddy  Hubbard,  Lester  Bowie,  Gato  Barbieri, Kenny  Wheeler,  Randy  Brecker,  Enrico  Rava,  Ivan  Lins,  Vince  Mendoza,  Kurt  Rosenwinkel,  Joey  Calderazzo,  Bob Berg, Steve Lacy, Johnny Griffin, George Coleman, Dave Liebman, Phil Woods, James Moody, Steve Grossman, Lee Konitz,  Barney  Wilen,  Ronnie  Cuber,  Sal  Nastico,  Michael  Brecker,  Jed  Levy,  George  Garzone,  Tony  Scott,  Paul Jeffrey,  Bill  Smith,  Joe  Lovano,  Curtis  Fuller,  Kay  Winding,  Albert  Mangeldorff,  Cedar  Walton,  Tommy  Flanagan, Kenny Kirkland, Stefano Bollani, Mal Waldron, Ben Sidran, Enrico Pieranunzi, Dave Kikosky, Franco D’Andrea, John Scofield, John Abercrombie, Billy Cobham, Bobby Hutcherson, Didier Lockwood, Richard Galliano, Christian Escoude, Joe  Zawinul,  Bireli  Lagrene,  Palle Danielsonn, Scott  Colley,  Eddie  Gomez,  Giovanni  Tommaso,  Paolo  Damiani, Emmanuel  Bex,  Pat  Metheny,  Adam  Rogers,  Rita  Marcotulli,  Niels  Henning  Pedersen,  Mark  Turner, Lew  Tabackin, Chris Potter, Mike Moreno, Dado Moroni. Come leader ha  registrato  molti  album:  Notes,  Fare,  Luna,  Jungle  Three,  Improvvisi,  Sing  Sing  Sing,  Roberto  Gatto plays Rugantino, Deep, Traps, Gatto – Stefano Bollani Gershwin and more, A Tribute to Miles Davis Quintet, Omaggio al Progressive, The Music Next Door, Roberto Gatto Lysergic Band, Remebering Shelly. Nel corso degli anni ha composto musica per il cinema, in particolare insieme a Maurizio Giammarco la colonna sonora di “Nudo di donna” per la regia di Nino Manfredi, e, in collaborazione con Battista Lena, le colonne sonore di “Mignon è Partita”, che ha ottenuto cinque David di Donatello, “Verso Sera” e “Il grande cocomero”, tutti diretti da Francesca Archibugi. Nel 1983 è stato eletto il primo batterista Italiano dal sondaggio della rivista mensile Fare Musica. Nel 1983 e nel 1987 con il gruppo Lingomania ha vinto il referendum Top Jazz della rivista Musica Jazz nella categoria miglior gruppo. Nel 1988, 1989, 1990 è stato al primo posto della categoria batteristi dei “vostri preferiti” di Guitar Club. Nel 2007, 2009 e 2010 è stato votato come il miglior batterista dal referendum Top Jazz della rivista Musica Jazz. Nel 1993 ha realizzato due video didattici “Batteria vol.  1 e 2′′.  E ‘stato il direttore artistico di Jazz in progress presso il Teatro dell’Angelo a Roma. Per oltre dodici anni ha insegnato batteria e musica d’insieme presso i seminari di Siena Jazz. Ha frequentato il Conservatorio di Santa Cecilia a Roma e il Conservatorio de L’Aquila. E’ titolare della cattedra di batteria jazz al Conservatorio di Santa Cecilia a Roma.

DARRYL HALL – Basso Elettrico

Nato a Philadelphia, uno dei maggiori centri per lo sviluppo della musica Afro Americana, inizia a suonare il basso elettrico ispirato dalla funk generation degli anni 70 e comincia poi lo studio del contrabbasso, iniziando a collaborare con gruppi locali. Inizia a suonare con musicisti come Geri Allen, Regina Carter, Ravi Coltrane, Mulgrew Miller, prosegue con successo la sua carriera collaborando con Hank Jones, Tom Harrell, James Williams, Howard Johnson, Teodross Avery, Robert Glasper, Cedar Walton, Jimmy Heath, Donald Byrd, Diane Reeves, Kirk Lightsey, Benny Golson ecc… Viene poi chiamato dal bassista Christian McBride per suonare nella sua Big Band. È sicuramente ad oggi uno dei più affermati e importanti musicisti nel suo campo. Il trio di cui lui è il leader si accinge a registrare a breve il suo primo album: è stato costituito nel 2015 e vanta due musicisti Italiani di eccezione come il sassofonista Bolognese Piero Odorici ed il batterista Romano Roberto Gatto.

 

PIERO ODORICI – Sax Tenore

Inizia lo studio del sassofono all’età di dieci anni. Dopo avere compiuto studi classici, si appassiona alla musica jazz sotto la guida di Sal Nistico e Steve Grossman, due tra i più grandi sassofonisti del jazz moderno. Inizia poi la sua carriera artistica, suonando sia come leader che come sideman con diverse formazioni italiane e straniere, andando in tour in Italia, Francia, Germania, Grecia, Finlandia, Canada e partecipando a trasmissioni televisive e radiofoniche. Nel corso della sua carriera artistica ha collaborato con musicisti di fama mondiale come Cedar Walton, George Cables, Eumir Deodato, Diane Schuur, Curtis Fuller, Cyrus Chestnut, Billy Higgins, Slide Hampton, Eddie Henderson, Ben Riley, Jimmy Cobb, Sal Nistico, Steve Grossman, Red Rodney, Jack Walrath, Lee Konitz, Joe Lovano, Steve Lacy, Billy Hart, Dee Dee Bridgewater,Peter Bernstein, Jack McDuff, Mingus Big Band, Vincent Herring, Joey Di Francesco, One For All, John Hicks, Alvin Queen, Ronnie Mathews, Antonio Faraò, Enrico Pieranunzi, Massimo Urbani, Roberto Gatto, Danilo Rea, Larry Nocella, Tullio De Piscopo … Si è esibito nelle principali città degli Stati Uniti (New York, Boston, Philadelphia…) È stato spesso invitato a partecipare ai più importanti festival jazz europei: Umbria Jazz, Orvieto (Umbria Jazz Winter), Gran Parade du Jazz di Nizza, Pori Jazz Festival, Festival Jazz di Salonicco, Nord Sea Jazz e molti altri… Ha inoltre suonato varie volte in “storici” Jazz Club come il Ronnie Scott’s a Londra, il New Morning ed il Sunset a Parigi. Nel panorama della musica pop ha inciso e suonato in tour con Lucio Dalla, Gianni Morandi, Biagio Antonacci, Luciano Pavarotti, Jovanotti, Vinicio Capossela, Rossana Casale, Gloria Gaynor, George Michael, Grace Jones, Tiziano Ferro, Ornella Vanoni e molti altri. Nel panorama della musica pop ha inciso e suonato in tour con Lucio Dalla, Gianni Morandi, Biagio Antonacci, Luciano Pavarotti, Jovanotti, Vinicio Capossela, Rossana Casale, Gloria Gaynor, George Michael, Grace Jones, Tiziano Ferro, Ornella Vanoni e molti altri. Ha registrato a New York nell’autunno 2011 il suo ultimo Cd prodotto dal leggendario pianista Cedar Walton dal titolo Cedar Walton presents “Piero Odorici with the Cedar Walton Trio” per l’etichetta discografica Savant e distribuito dalla WEA Warner’s in tutto il mondo dal 27 Marzo 2012.

 

ALESSANDRO PRESTI – Tromba

Messinese, classe 88, inizia lo studio della tromba all’età di 5 anni. Dopo il diploma con il massimo dei voti al Conservatorio di Messina, si avvicina al jazz e consegue la specializzazione presso la fondazione Siena Jazz, sotto la guida di Claudio Corvini e Marco Tamburini. Nel 2010 vince il terzo premio al concorso per solisti jazz al “Vittoria Jazz Award”. Nel 2011 vince il premio del pubblico e il premio della critica al concorso per solisti jazz “Chicco Bettinardi”. Dal 2010 collabora con la scuola di musica come docente di tromba presso la scuola di musica “Palermo Jazz”. Dal 2009 collabora con musicisti come Massimo Moriconi, Dario Carnovale, Paolino Dalla Porta, Mario Biondi, Orazio Maugeri, Fabio Zeppetella, Ellade Bandini, Marcello Pellitteri.

 

About AAJ Italia News

You must be logged in to post a comment Login