Amarcord Thomas Chapin

Di - 11/04/2016

Thomas Chapin

Sono passati poco più di diciott’anni dalla morte di Thomas Chapin, scomparso non ancora quarantunenne.

La sua musica, incredibilmente aperta, vigorosa e senza preconcetti, ha continuato ad ispirare i musicisti con cui ha collaborato e, dopo di loro, nuove generazioni di improvvisatori.

Il lancio del documentario di Stephanie Castillo, “Night Bird Song”, che ci offre una visuale intima e toccante sul mondo di Chapin, costituisce l’occasione per ricordare il musicista del Connecticut.

Lo facciamo con una recensione del documentario, un’intervista ai due musicisti italiani che hanno partecipato al documentario, Stefano Leonardi e Stefano Pastor, e la recensione del loro omaggio a Chapin Conversations about Thomas Chapin (Leo Records). Ne approfittiamo per ripubblicare le recensioni dei CD postumi Never Let Me Go e Crossing Points con William Hooker.

In calce pubblichiamo anche una galleria di immagini dall’archivio della famiglia Chapin, per gentile concessione di sua moglie Terri.

E per chi non abbia ancora avuto modo di conoscere l’inarrestabile forza musicale di Thomas Chapin ecco un video tratto dalla sua partecipazione al Festival di Newport del 1995, con lo storico trio che comprendeva Mario Pavone al contrabbasso e Michael Sarin alla batteria. Non c’è altro da aggiungere alla devastante forza della musica di Chapin.

Foto (per gentile concessione di Terri Castillo-Chapin)
Frans Schellekens.

Clicca su una qualunque delle immagini in basso per attivare la galleria

About Redazione AAJ Italia

You must be logged in to post a comment Login