A diaologo con Silvia Bolognesi

Di - 05/06/2017

A dialogo con Silvia Bolognesi

Silvia Bolognesi, contrabbassista, compositrice e band leader senese, è tra le più interessanti personalità del jazz italiano. Recentemente ha inoltre ricevuto un riconoscimento internazionale tanto lusinghiero, quanto meritato: la chiamata di Roscoe Mitchell per entrare a far parte del sestetto da lui formato per un progetto in onore di John Coltrane, del quale ricorre quest’anno il cinquantenario della scomparsa. L’abbiamo incontrata per fare il punto della sua brillante attività artistica.

All About Jazz Italia: È il terzo anno che a Pisa viene organizzato un evento interamente dedicato alla tua etichetta discografica, Fonterossa Records, che è come dire dedicato a te. Com’è nata l’iniziativa e come la stai vivendo, visto che la cosa continua con successo?

Silvia Bolognesi: Penso che certe cose, nella vita, accadano quasi senza cercarle o volerle. Fonterossa, e l’evento pisano a lei dedicato, appartengono a questo genere di cose: è come se fossero nate in modo “naturale,” per poi svilupparsi da sole. Fonterossa Records è il risultato di una mia esigenza personale: visto che presso le etichette esistenti, specie italiane, non trovavo il giusto interesse per i miei lavori, ho deciso di autoprodurmi. Realizzando il primo titolo mi sono resa conto che l’autoproduzione era una prassi attraverso la quale potevo seguire con cura tutti i passaggi, molto impegnativa in termini di energie ma anche esaltante e, alla fine, perfino più economica.

Così ho deciso di continuare, producendo sotto il nome Fonterossa anche i lavori di alcuni amici dei quali apprezzavo la musica e che avevano le medesime mie difficoltà -o coproducendo, perché non sempre sono produttrice unica, come nel caso di L’uomo poco distante dell’Ottetto di Tony Cattano o di Desmadre di Marco Colonna e Augusti Fernandez. In questo modo, invece di fare ciascuno la propria autoproduzione, ci siamo messi tutti sotto il medesimo nome, uniti comunque da preferenze artistiche, ascolti, continue frequentazioni e collaborazioni. E poiché stare assieme è importante e fa stare bene, è poi nata anche la giornata pisana. La quale, peraltro, esiste solo grazie a Francesco Mariotti: è stato lui, persona fantastica sempre così attenta al territorio, a raccogliere subito entusiasticamente la mia prima idea di presentare le proposte e i dischi dei musicisti che gravitavano attorno a Fonterossa. E, quest’anno, è stato ancor più entusiasta dell’idea di porre al centro della giornata un laboratorio didattico qual è l’Open Orchestra, perché questo permetteva di far vivere tutto l’anno un’attività condivisa di pratica e studio. Attività che è stata anche particolarmente complessa, perché il progetto era dedicato alle partiture non convenzionali e pertanto ha visto la partecipazione anche dei musicisti che svolgevano il ruolo di compositori e direttori.

Io, che sono sempre stata una grande appassionata dei lavori in gruppo perché mi piace stare in compagnia e collaborare, mi sono trovata a meraviglia con Francesco nell’organizzare questi eventi. Che poi, alla fine, sono una festa prima ancora che un evento artistico e che a ben guardare vedono sempre una partecipazione più ampia rispetto ai musicisti dell’”area” Fonterossa.

AAJ: Sette ore di musica, cinque concerti, due locations, circa cinquanta musicisti: organizzare non dev’essere semplice…

SB: Faticosissimo, ma è anche una grandissima gioia! …

Read-More-Button

 

About Neri Pollastri

You must be logged in to post a comment Login